Siate egoisti!

Parliamo della teoria delle finestre rotte…

finestra rotta

Si tratta di una teoria sociologica secondo cui investendo le risorse nella cura dell’esistente si ottengono risultati migliori rispetto all’uso di misure repressive. Al contrario, trascurando l’ambiente urbano, si trasmettono segnali di deterioramento, di disinteresse e di non curanza. Ad esempio l’esistenza di una finestra rotta (a cui il nome della teoria) potrebbe generare fenomeni di emulazione, portando qualcun altro a rompere un lampione o un idrante, dando così inizio a una spirale di degrado urbano e sociale.

Nel 1969 il professor Zimbardo lasciò due automobili identiche abbandonate in strada, una nel Bronx (zona povera), l’altra a Palo Alto (zona ricca). Ciò che accadde fu che l’automobile abbandonata nel Bronx cominciò ad essere smantellata in poche ore. Al contrario, l’automobile abbandonata a Palo Alto, rimase intatta. Dopo una settimana, i ricercatori decisero di rompere un vetro della vettura a Palo Alto e subito dopo furto, violenza e vandalismo ridussero il veicolo nello stesso stato di quello abbandonato nel quartiere malfamato di New York.

Non buttare carta per terra, non abbandonare l’immondizia accanto a un cassonetto pieno, tenere l’androne del proprio palazzo pulito… tutte cose che migliorano la nostra vita. Siate egoisti: rispettate il bene comune.

 

ATTENZIONE: tutti i dati qui riportati sono stati verificati e documentati. Di seguito alcune fonti.

  • http://it.wikipedia.org/wiki/Teoria_delle_finestre_rotte
  • http://www.unitresorrentina.org/foto/24-forum/85-la-teoria-delle-finestre-rotte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito (navigando, scorrendo la pagina o cliccando), accetti l'utilizzo dei cookie presenti sul sito. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetto" permetti il loro utilizzo.

Chiudi