Ritorna il teatro

Il teatro è da sempre una mia grande passione.

Non amo particolarmente calcare il palcoscenico, ma adoro tutti quei mesi di preparazione che antecedono lo spettacolo. La ricerca di un copione o la scrittura (se non la traduzione) dello stesso; trovare i giusti compagni d’avventura; la lettura del copione; le prove; la ricerca dei costumi; le prove; la progettazione delle scenografie; le prove; l’inevitabile fine settimana dedicato al trovarobe; le prove…

E poi arriva quel momento. Suona una campana, la platea si è riempita, suona una campana, gli ultimi spettatori prendono posto a sedere, le luci in sala si abbassano, suona un’altra campana, cala il buio. Silenzio. Un lungo respiro. I riflettori si accendono, il sipario si apre e inizia la magia. Uno spettacolo dura un attimo in confronto al tempo che richiede per prepararlo e forse è proprio questo che contribuisce al suo fascino.

Una pellicola cinematografia, una volta realizzata, puoi proiettarla e rivederla infinite volte. Uno spettacolo teatrale, anche se replicato, sarà sempre nuovo e diverso.

Il palco è pronto… si va in scena… due minuti di paura, poi pronti via!

25 pensieri riguardo “Ritorna il teatro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.