Snapchat apre al behavioral

“Snapchat prevede di introdurre il targeting comportamentale per i suoi inserzionisti”, così dichiara il direttore della società Clemente Xue in un rapporto di eMarketer.
Xue detto che l’azienda stava lavorando verso stendere le capacità di targeting comportamentale nel terzo trimestre del 2016, secondo il rapporto “Snapchat pubblicità”.

In questa prima fase, Snapchat si limiterà ad accumulare i dati comportamentali in base alle attività degli utenti in app.
Ciò significa, per esempio, che se gli utenti condividono foto da eventi di basket o visualizzeranno molti contenuti da account che parlano di questo sport, allora gli advertiser potranno acquistare pubblicità mirando questi utenti.
In questa fase non sembra nei programmi di Snapchat accumulare anche dati che derivino dal comportamento che gli utenti hanno ad di fuori dell’app, anche se fa pensare la recente introduzione del tasto “Login con Snapchat” nell’app Bitmoji.

Intanto, il centro per la privacy di Snapchat rassicura: “Non vogliamo controllarvi. Vogliamo capire ciò che è rilevante per te e la tua vita, e vogliamo mostrarti le cose che ti interessano. Allo stesso tempo, non è nostra intenzione mostrarti annunci che così su misura da risultare invasivi.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito (navigando, scorrendo la pagina o cliccando), accetti l'utilizzo dei cookie presenti sul sito. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetto" permetti il loro utilizzo.

Chiudi